Il deputato della Banca centrale russa Olga Skorobogatova ha chiesto che le valute virtuali siano trattate come “merci digitali”.

Citato da Interfax, Skorobogatova ha affermato che la banca centrale cercherà di “adottare regolamenti che abbiano particolare attenzione alla fiscalità, ai controlli e alla responsabilità, come quelli che si applicano ai prodotti digitali oggi in commercio”.

“Con l’emissione della valuta virtuale non sostenuta dal gold standard e ancora fuori controllo dal punto di vista dell’offerta, porterà prima o poi ad un’instabilità nei mercati finanziari” ha aggiunto.

La Russia inizierà ad adottare dei regolamenti formali sulla cryptocurrency dal 2018, come annunciato precedentemente dalla banca centrale, con proposte su quale forma dovrebbero prendere nei prossimi mesi.

Nel mese di aprile, durante i commenti preliminari sulla posizione futura del governo russo su Bitcoin e sulle altre valute, il ministro delle finanze Alexey Moiseev ha aggiunto che lo Stato ha voluto monitorare le transazioni, indipendentemente da come ciò possa essere realisticamente possibile.

“Lo Stato deve sapere, in ogni momento, chi si troverà su entrambi i lati della catena finanziaria”, ha dichiarato.

“Se c’è una transazione, le persone che la facilitano dovrebbero comprendere da chi hanno acquistato e a chi hanno venduto, proprio come con le operazioni bancarie.”

Fonte: https://cointelegraph.com/news/russian-central-bank-wants-to-treat-bitcoin-as-digital-commodity

Author: Michele Centomo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *