Cos’è DNN?

DNN è l’acronimo per definire Decentralized News Network (rete decentralizzata di notizie), ovvero un piattaforma inserita sulla Blockchain di Ethereum che vorrebbe democratizzare e decentralizzare i tradizionali canali di news e di media. Questa piattaforma viene protetta dalla crittografia e viene implementata da un insieme di contratti intelligenti che permetteranno alla piattaforma di rimanere decentralizzata, senza che nessuno ne detenga in futuro il monopolio.

La domanda del Team di Ethereum News Italia è: potrebbe diventare un nuovo strumento per garantire più sicurezza e combattere il fenomeno delle fake news?

La domanda che ci possiamo porre è anche un’altra “in generale, quanto davvero ci fidiamo e ci possiamo fidare dei mass media, come giornali, televisione o radio, e quanto sono veridiche, giuste e completamente contestualizzate le notizie che girano?” . La vittoria di Trump nelle ultime elezioni presidenziali in Usa, o il Leave della UK dalla Unione Europea erano “impossibili” o “fortemente improbabili” che accadessero secondo le fonti ufficiali e dalla maggioranza dei mass media.

Samit Singh e Dondrey Taylor, i due fondatori del progetto, hanno da poco condiviso in rete il White Paper (ovvero una sorta di Business Plan) di DNN. Nel ecosistema della Decentralized News Network esisteranno dei DNN tokens ( i gettoni che serviranno per premiare il consenso e le interazioni per ogni articolo), gli scrittori, coloro che revisioneranno gli articolo (reviewers), i lettori e coloro che pubblicheranno l’articolo (publishers).

Alcune qualità intrinseche al progetto che possono dare fiducia e un buon share per la futura espansione dell’intero progetto:

 

  •  Notizie prive dalla possibilità di essere censurate. Gli articoli che vengono pubblicati nella DNN sono immagazzinati nella Blockchain distribuita e pubblica di Ethereum, conferendo una protezione da qualsiasi tipo di censura.
  •  Non c’è una autorità centrale. DNN si basa e si fonda su un consenso tra la comunità, piuttosto che sul consenso di una autorità centrale che può decidere e determinare cosa può essere pubblicato e/o tralasciato. Inoltre avviene sempre una sorta di mining: prima che una notizia venga pubblicata viene verificata da parte della community (i reviewers e i pubblishers), la quale, attraverso una modalità completamente democratica, deciderà se ogni notizia sarà veridica o meno.
  • I contenuti e gli articoli non possono essere ne modificati ne cancellati dalla catena a blocchi.
  • Per gli scrittori che non hanno ancora un editore sarà più facile pubblicare i propri articoli. Infatti, chiunque voglia scrivere e riportare una propria idea sulla attualità, sulla politica e/o economica o qualsiasi altra categoria, non sarà più importante quale sia il suo background culturale, ma potrà tranquillamente condividere la propria visione sul distributed file-store (DNN utilizzerà il InterPlanetary File System). Gli scrittori pagheranno una tassa di scrittura con i tokens di DNN per pubblicare i propri articoli, ma avranno comunque modo di guadagnare in base a come il loro articolo verrà interpretato e condiviso nell’ecosistema di Ethereum.
  • I reviewers, ovvero quella parte di community scelta in modo pseudo-causuale, dovranno verificare, revisionare e poi inviare l’articolo nel sistema, se idoneo. Sette saranno gli editori che verranno scelti nella community per ogni articoli inserito. Una volta che i sette hanno votato per ogni preciso articolo, utilizzando uno schema maggioritario, l’articolo si muoverà o verso il registro pubblico o verso lo scrittore con una precisa analisi e spiegazione dei motivi per cui questo è stato negato dall’essere pubblicato.

  • I lettori verranno premiati per ogni interazione avuta con l’articolo.
  • I pubblishers sono l’ultima catena nella sequenza. Sempre attraverso un protocollo peer-to-peer, usando la crittografia e il software (contratti intelligenti) saranno in grado di pubblicare l’articolo definitivamente nella DNN. Sono coloro che creano i nodi ( o blocchi) nella DNN, dopo che i reviewers hanno controllato i contenuti dell’articolo.

Questo schema di verifica e pubblicazione è certificato e garantito da un Von Neumann-Morgenstern Utility Theorem and Schelling points. Inoltre, i tokens di DNN sono divisibili in 18 parti decimali (o,ooo..oo1 DNN) in modo da creare un sistema quasi del tutto gratuito e cercando di prevenire l’attacco di qualsiasi hackers dal modificare l’ecosistema.

Ci auguriamo che una piattaforma decentralizzata e distribuita possa almeno parzialmente risolvere i problemi attuali di notizie finte, che spesso alimentano fenomeni di populismo e demagogia nella rete e tra i popoli.

Author: Jacopo Sesana

Frequento il corso “Philosophy, International and Economics Studies” a Venezia, presso l’Università “Cà Foscari”. Scrivo per informarmi e per informare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *