Il governo australiano sta proseguendo con i piani per risolvere il problema della “doppia tassazione” delle valute digitali del paese.

Il governo si è impegnato più di un anno fa a risolvere il dilemma delle politiche, dove le imprese australiane sono soggette ad una tassazione sulle merci e dei servizi (GST) su qualsiasi bitcoin venduto – nonché se li accettano come pagamento. È un punto di critica espresso da anni dalla comunità di Bitcoin del paese, che culmina con l’impegno dello scorso anno.

Secondo le dichiarazioni pubblicate oggi, il governo sta consultando con il suo gruppo di consulenza per la tecnologia finanziaria sulla questione – anche se ha avvertito che qualsiasi cambiamento materiale dipenderebbe dall’azione a livello provinciale.

Il documento politico, rilasciato dal Ministro per le piccole imprese Michael McCormack, riporta:

“Qualsiasi modifica al trattamento GST delle monete digitali è soggetta a un accordo formale di stato e territorio”.

Quanto al momento in cui tali cambiamenti potrebbero essere in atto, il governo non ha offerto una chiara scadenza.

Nel documento, il governo ha inoltre ribadito il suo sostegno allo spazio digitale delle monete australiane, dichiarando che i suoi piani per regolare gli scambi negli statuti esistenti AML / KYC contribuirebbero a favorire lo sviluppo del settore.

“Il governo è impegnato a facilitare l’innovazione e la crescita nel settore della moneta digitale e ritiene che un adeguata regolamentazione dei finanziamenti antiriciclaggio di denaro e antiterrorismo (AML / CTF) aiuterà tale sviluppo”, ha affermato.

Ciò è l’ultima prova che il governo australiano vuole creare un ambiente favorevole per le attività bitcoin e blockchain.

A dimostrazione, il paese ha visto diversi sviluppi chiave della blockchain nell’ultimo anno, inclusa un’offerta da parte dell’Australian Securities Exchange (ASX) per esplorare la tecnologia (in collaborazione con la blockchain startup Digital Asset Holdings) per essere utilizzata come possibile sostituzione degli attuali sistemi di regolamento.

ASX ha detto agli investitori questa settimana che il progetto è “in pista” e intende prendere una decisione se adottarlo per l’utilizzo su vasta scala entro la fine di quest’anno.

Author: Jacopo Sesana

Frequento il corso “Philosophy, International and Economics Studies” a Venezia, presso l’Università “Cà Foscari”. Scrivo per informarmi e per informare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *